In Evidenza

L’assistenza Casagit Salute durante l’emergenza Covid-19

Redazione - 19 GIUGNO 2020 iconCONDIVIDI

A oltre 3 mesi dall’inizio della pandemia, un bilancio delle attività della nostra Mutua. Dal potenziamento dei canali di comunicazione e contatto diretto con associate e associati (numero verde, e-mail, newsletter, sito web, social) ai dati aggiornati sulle prestazioni autorizzate: ecco tutte le misure adottate, fin dai primi giorni di marzo, per far fronte alle conseguenze del nuovo Coronavirus.


Con l’inizio della cosiddetta “fase 3” e il ritorno a una parziale, nuova, normalità è possibile stilare un bilancio di questi 3 mesi di attività segnati dall’emergenza nazionale Covid-19. Mesi nei quali la domanda di informazione e assistenza da parte dei nostri associati è stata costante e significativa, con un picco di richieste registrato soprattutto durante i giorni della quarantena.


E-MAIL E NUMERO VERDE
Il potenziamento dei canali di comunicazione diretta con i soci, un servizio ancor più fondamentale quando le misure di isolamento e distanziamento sociale hanno impedito gli spostamenti, ha consentito di gestire il flusso di telefonate ed e-mail in ingresso in modo da poter rispondere a tutti.


Il numero verde 800 548 831 (per residenti all’estero: 0039 06 54641518), con orari di risposta raddoppiati rispetto alla fase precedente l’emergenza (lun-ven 9-18 e sab 9-13), ha fatto registrare, tra metà marzo e metà giugno, 6.639 chiamate attraverso le quali abbiamo fornito supporto e assistenza ai soci.


Nello stesso periodo, abbiamo intensificato e ottimizzato anche il dialogo attraverso l’indirizzo mail assistenza@mail.casagit.it: alla casella di posta elettronica sono arrivati in 3 mesi ben 7.668 messaggi, tutti evasi al massimo nel giro di 4 ore lavorative.


SITO WEB, NEWSLETTER E SOCIAL
Inoltre, abbiamo risposto a 210 messaggi diretti su Facebook Messenger con richieste di informazione, servizio o chiarimento. I social, del resto, si confermano uno strumento sempre più utilizzato e frequentato: negli ultimi 30 giorni, il profilo Facebook di Casagit Salute ha ottenuto 105 nuovi fan (ora sono 4.728); i post pubblicati hanno raggiunto oltre 22 mila persone, facendo registrare circa 2.300 interazioni tra clic, commenti, condivisioni e reazioni.

Una comunicazione più interattiva che si riverbera positivamente anche sul sito istituzionale www.casagit.it: tra metà marzo e metà giugno, gli utenti su casagit.it sono stati oltre 42 mila (73% dei quali erano nuovi visitatori), per un totale di circa 210 mila visualizzazioni di pagine. Quasi 3 le pagine lette per sessione, con una durata media di 2’38”.

Panoramica generale degli accessi al sito casagit.it (15 marzo – 15 giugno 2020)

I contenuti e le notizie raccolte dallo speciale web dedicato al Covid-19, allestito appositamente per l’emergenza, hanno ottenuto un buon riscontro da parte del nostro pubblico: la notizia con l’annuncio del contributo annuo di 40 euro per test e dpi, pubblicata il 21 maggio scorso, ha ottenuto da sola oltre 7 mila visualizzazioni di pagina e assorbito il 7% di tutti gli accessi al sito tra metà marzo e metà giugno.


In questi ultimi tre mesi, abbiamo spedito 9 newsletter a target differenziati per profilo assistenziale e area geografica, che ci hanno permesso di raggiungere migliaia di soci. Da segnalare i picchi di traffico web registrati in occasione dell’invio (in particolare quello tra il 21 e 22 maggio, con 5.500 utenti “atterrati” sul sito in meno di 48 ore). La newsletter si conferma quindi uno strumento indispensabile per informare in maniera tempestiva su tutte le novità, segnalando gli approfondimenti pubblicati online sui siti della Mutua.


RIMBORSI E PRESTAZIONI
I tempi di liquidazione delle pratiche (e quindi dei rimborsi) sono rimasti inalterati, nonostante la revisione dell’organizzazione del lavoro imposta dalla quarantena e dalle forme di smart working attivate.

Inoltre, tra la metà di marzo e la metà di giugno, abbiamo rilasciato 1.550 autorizzazioni per:

  • 428 ricoveri presso ospedali o case di cura
  • 192 interventi di chirurgia ambulatoriale
  • 930 piani di cura odontoiatrici.

I PROVVEDIMENTI DI CASAGIT SALUTE
Le azioni predisposte da Casagit Salute per far fronte alle conseguenze della pandemia sono state tempestive. Fin dal 6 marzo, abbiamo adottato una serie di misure precauzionali per garantire la massima continuità dei servizi ai nostri assistiti, nel rispetto della sicurezza del personale e di quanti sono chiamati a svolgere il loro lavoro presso le nostre sedi. Per chi ha continuato a lavorare presso la Direzione generale di Casagit Salute (gli uffici sono rimasti sempre aperti), sono state poste in essere importanti misure di protezione personale: distribuiti dispositivi di protezione individuali e istituite particolari modalità di accesso agli uffici grazie a sistemi di turnazione, distanziamento delle postazioni di lavoro e formule di smart working (lavoro da casa).


È stato istituito un Comitato di Emergenza Covid-19 (composto da presidente, direttore generale, vice presidenti e presidente di Casagitservizi srl) e varato un pacchetto di provvedimenti molto importante:

  • attivata una specifica copertura Covid-19 (e relativo regolamento di accesso) per tutti i soci Casagit e i loro familiari
  • previsto un contributo annuo di 40 euro per test (tamponi ed esami sierologici) e dispositivi di protezione individuale
  • posticipati al 30 giugno i termini di consegna delle pratiche per i rimborsi riferite all’ultimo trimestre del 2019 (ottobre, novembre e dicembre)
  • prorogata al 31 maggio la scadenza dei contributi relativi al secondo trimestre del 2020 e di tutti i pagamenti dovuti dai soci a qualsiasi titolo
  • il contributo per non autosufficienti relativo al primo e al secondo trimestre 2020 è stato corrisposto anticipatamente (a marzo anziché ad aprile, a giugno anziché a luglio)
  • non vengono richieste le prescrizioni per accertamenti e visite specialistiche, a fronte di motivazioni legate all’attuale situazione di crisi
  • regolarmente operativa la centrale telefonica per consulti medici a distanza del servizio di assistenza in emergenza.