News

Nuova copertura Covid-19: le misure di Casagit Salute per l’emergenza nazionale Coronavirus

Redazione - 19 MAGGIO 2020 iconCONDIVIDI

Valida dal 1 marzo al 31 dicembre 2020, la nuova garanzia Covid-19 tutela tutti i soci Casagit e i loro familiari con un’indennità giornaliera di 50 euro (max 30 giorni), in caso di ricovero in strutture pubbliche. Previsto anche un contributo annuo di 40 euro per test e dispositivi di protezione. Sul sito istituzionale di Casagit Salute è on line uno speciale sull’emergenza Covid-19, per consentire al socio e ai suoi familiari di orientarsi ed essere aggiornato su provvedimenti e informazioni di servizio.


Per iscritte e iscritti che dovessero ammalarsi a seguito di un contagio con il nuovo Coronavirus, il Cda di Casagit Salute il 9 aprile 2020 ha approvato all’unanimità una specifica copertura che si aggiunge a quelle tradizionali.

Dal 1° marzo e fino al 31 dicembre 2020, quindi anche retroattivamente, la copertura Covid-19 prevede la corresponsione di un’indennità di 50 euro al giorno, fino a un massimo di 30 giorni, a seguito di un ricovero presso strutture pubbliche individuate per il trattamento della malattia.

Entro lo stesso limite di giorni l’attribuzione verrà corrisposta anche quando, secondo le prescrizioni mediche e dopo il ricovero, si rendesse necessaria una convalescenza o un periodo di isolamento domiciliare (per esempio: ricovero 20 giorni, isolamento domiciliare 15 giorni: indennità corrisposta per 30 giorni).

La copertura Covid-19 vale per ogni iscritta o iscritto, compresi i famigliari e quanti abbiano aderito ai diversi profili di Casagit Salute.

“Questa garanzia vuole offrire un sostegno economico per il danno biologico e per i disagi conseguenti allo stato di malattia”, commenta Daniele Cerrato, presidente SOMS Casagit Salute.

La garanzia non esclude, ovviamente, nessuna delle prestazioni tradizionali e non prevede alcun contributo aggiuntivo. Agli assistiti verrà richiesta unicamente la documentazione ospedaliera.


Nella seduta del 19 maggio, il Cda ha approvato un ulteriore provvedimento che prevede, per l’anno 2020, la corresponsione di un contributo per le spese sostenute per accertamenti clinici e diagnostici relativi a Covid-19 (tamponi nasofaringei, esami sierologici) effettuati in regime privato presso strutture pubbliche o private, nonché per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale (con esclusione dei prodotti disinfettanti).

Tale contributo deve intendersi cumulativo fino ad un massimo di 40 euro ad assistito.


Sul sito Casagit, è disponibile lo speciale “emergenza Covid-19”: un percorso di navigazione ragionato, che permette di rimanere aggiornati tempestivamente sulle comunicazioni ai soci della mutua e sulle misure adottate per far fronte alle conseguenze della pandemia. Eccole sintetizzate:

  • attivata una specifica copertura Covid-19 per tutti i soci Casagit e i loro familiari
  • predisposti canali diretti di comunicazione dedicati con i soci: mail (assistenza@mail.casagit.it) e numero verde 800 548831 (per residenti all’estero: 0039 06 54641518); entrambi i servizi sono attivi dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 18, sabato dalle 9 alle 13
  • regolarmente operativa la centrale telefonica per consulti medici a distanza del servizio di assistenza in emergenza 
  • posticipata al 31 maggio la scadenza dei contributi relativi al secondo trimestre del 2020 e di tutti i pagamenti dovuti dai soci a qualsiasi titolo (per esempio, quelli dei soci volontari e quelli per i famigliari)
  • posticipati al 30 giugno i termini di consegna delle pratiche per i rimborsi riferite all’ultimo trimestre del 2019 (ottobre, novembre e dicembre)
  • il contributo per non autosufficienti relativo al I° trimestre 2020 viene corrisposto anticipatamente, a marzo, anziché ad aprile
  • non vengono richieste le prescrizioni per accertamenti e visite specialistiche, a fronte di motivazioni legate all’attuale situazione di emergenza
  • attivate modalità di smart working o “lavoro agile”, per consentire al nostro personale, in particolare quello addetto alle funzioni essenziali di servizio ai soci, di continuare a lavorare da casa. L’obiettivo è garantire le comunicazioni con i soci e il rilascio delle eventuali autorizzazioni alle prestazioni presso le strutture convenzionate
  • poste in essere importanti misure di protezione individuale per chi continua a lavorare nella sede di Casagit Salute, come distanziamento delle postazioni e distribuzione di dispositivi di protezione individuali
  • istituto un Comitato di Emergenza Covid-19 composto da presidente, direttore generale, vice presidenti e presidente di Casagitservizi srl.


Chiarimenti in merito a rimborsi di tamponi, mascherine e igienizzanti

  • mascherine e igienizzanti non sono mai stati contemplati dal tariffario, quindi non sono rimborsabili
  • rimborso del ticket ed eventuale quota regionale per i tamponi, qualora dovessero essere disponibili
  • sono riconosciuti solo i test diagnostici per Covid-19 disposti dal Servizio Sanitario Nazionale e previsti dal piano governativo per l’emergenza.